Sounding Aquarium<small></small>
Rock Internazionale − Alternative − neo-garage, psychedelic rock

Plastic Man

Sounding Aquarium

2017 - Annibale Records
10/05/2017 - di


Tornano a due anni dall`ottimo debutto Don`t Look at the Moon i fiorentini Plastic Man, con una nuova formazione e un suono decisamente più evoluto.

Procediamo in ordine: avevamo lasciato il gruppo psych-rock con una formazione a tre; nel frattempo di quel trio è rimasto solo Raffaele Lampronti (voce e chitarra) a cui si sono aggiunti nel tempo Giacomo Papini alla batteria, Mattia Gabrielli al basso e William Cavalzani alla chitarra e alla voce.

Questa formazione ha avuto tutto il tempo di trovare un nuovo equilibrio e farlo fruttare grazie alle tante e continue date dal vivo che hanno portato i Plastic Man spesso fuori dai nativi confini italiani, suonando in tutto il continente ed Oltremanica, in quella Gran Bretagna da dove i nostri hanno sempre preso gran parte dell`ispirazione e qualche suono in prestito.

E se nel primo LP dimostravano una rosa di soluzioni sonore invidiabile, anche se leggermente dispersive, i `nuovi` Plastic hanno trovato la loro dimensione ideale, affinata siuramente grazie alle esperienze `on stage` citate prima.

Ed è così che sono arrivati al secondo capitolo della loro discografia, Sounding Aquarium, uscito su Annibale Records, giovane etichetta fiorentina gestita da Luca Landi e Mattia Biagiotti dei concittadini Go!Zilla.

Gli undici brani, scritti dalla coppia Lampronti/Papini, hanno aggiunto rispetto al precedente lavoro un`aggressività inedita (sin dall`iniziale Bad`a`Boom, come per Forecast Trend, in un tripudio di chitarrone) -grazie anche alla seconda chitarra- e il raggiungimento di una personale cifra stilistica, a metà tra il classico suono `nuggets` ed un neo-garage dai suoni molto più heavy, senza comunque snaturare le proprie composizioni. E senza nemmeno dimenticare la tanto cara psichedelia, che affiora nella seconda traccia, Brain Ribbon, e rimane ad accompagnare tutto il disco, più o meno palesemente.

Con queso nuovo lavoro i Plastic Man raggiungono un livello di maturità e credibilità internazionale, che non fa sfigurare il disco dei quattro toscani di fronte alla già ben nutrita `scena` mondiale neo-garage e psichedelica, e nonostante i molti richiami al passato i pezzi suonano di una bellezza fuori dal tempo e non come l`ennesimo segno della retromania che ci sta mangiando sempre di più.

 

Track List

  • Bad`a`Boom
  • Brain Ribbon
  • Don`t Say Anybody What I Told You
  • Forecast Trend
  • It`s Morning Yet
  • Joy And Sorrow
  • Neon Shoals
  • Sounding Aquarium
  • Staring At A Different Feeling (Which Is Gonna Let You Down)
  • Storm Or Sun
  • Tod The Wolf