Meg Baird - Season On Earth

Meg Baird

Season On Earth

2011 - Wichita Recordings Ltd, under

Americana Songwriting Folk Old Time Music

25/11/2011  |  di Gianmario Ferrario

Share on Facebook

Secondo capitolo solista per la cantautrice di Philadelphia, altra notevole prova del suo talento vocale e strumentale, visto il salto di qualità tecnico su cui ha lavorato in questi anni. 

In parallelo all’esperienza Espers, e passati quattro anni dall’esordio come cantautrice, ecco che arriva Season On Earth, incantevole passo in avanti del new-folk contemporaneo, in cui si percepisce la volontà di render ancor più propria l’espressione, data l'omogeneità dell’album nel rispettare uno stile e forse, addirittura, un tema. 

In Dear Companion (2007) l’avevamo sentita giostrare abilmente i colori dell’emozione, dove spensieratezza e riservatezza si fondevano al fine, forse, di arricchire il contesto nell’arcobaleno d’approccio del ‘primo disco’. Qui, invece, ci prepariamo all’ascolto di un delicato e malinconico episodio, nel binario che conduce a Nick Drake più che ad altri artisti, volendo dare un riferimento.

Stars Climb Up the Vine, il pezzo che preferisco, con i suoi sette minuti abbondanti ci fa entrare in uno stato meditativo riuscendo perfettamente nell’ idea di ascesa e sospensione. Un lavoro di chitarre e lap-steel magnifico. Così succede un pò ovunque, potremmo dire lo stesso di The Land Turned Over o Even Rain , in cui finger picking e armonizzazioni vocali sono di notevole interpretazione e precisione. Del resto, è proprio attraverso le abilità appena indicate che cerchiamo di capire lo spessore di un’ opera come questa. Chi fa musica acustica, si avvale, in molti casi, solo di se stesso e rischia più facilmente l’appunto critico rispetto a quella che potrebbe essere la valutazione d’insieme di una band elettrica. 

Sta di fatto che (ed è già evidente già dalla copertina), Season On Earth è un album in cui si dice che tra te e il sole c’è qualcosa. Forse l’inverno. Forse una saracinesca da alzare e così barriere da eliminare, forse soltanto le impressioni di un primo mattino, quando ancora non  è deciso il da farsi. Un’ interiorità individuale bellissima di cui, nel tempo, faremo tesoro.

Share on Facebook

Track List:

  • Babylon
  • Stars Climb Up the Vine
  • Share
  • Even Rain
  • Friends
  • Beatles & the Stones
  • The Finder
  • The Land Turned Over
  • Stream
  • Song for Next Summer

Marte Live Mk Records Musica contro le mafie A Buzz Supreme