Il testamento del capitano
Italiana − Canzone d`autore

Massimo Bubola

Il testamento del capitano

2014 - Eccher Music
01/12/2014 - di
Ci sono Eurialo e Niso bloccati dai nemici “in mezzo a una pianura” a metà strada tra il l’epos resistenziale e la mitologia. C’è  Andrea ed il suo amore oscuro “soldato del regno/ profilo francese”. Ci sono i bambini indiani che “dormono” e sanguinano da sempre “nel letto del Sand Creek” . C’è la plumbea Corvi e c’è Rosso su verde in un cui la Grande Storia incrocia quella individuale sotto un cielo vitreo, di piombo. C’è anche Quel lungo treno (2005), un disco intero incentrato sulla Guerra Mondiale - la Prima, la più cruenta - e le vite di coloro che l’hanno vissuta/patita/persa/vinta/subita/combattuta. Ci sono queste cose e diverse altre ancora, disseminate tra il detto e il non detto, il poetico e il cronachistico dei dischi di Massimo Bubola. C’è anche da dire che le storie degli uomini in armi si somigliano tutte e tutte tendono a ripetersi con una ciclicità che sconcerta. A mutare sono, semmai, gli scenari, gli sfondi, le armi, i morti in battaglia e quelli invece sotto le bombe, le statistiche, le divise. Cambiano di volta in volta le vittime e i carnefici ma la guerra è, in fondo, la storia degli uomini che si ripete uguale a se stessa.

Per l’umanista Bubola una faccenda molto seria, un topos, un paradigma, se è vero che ne evoca le ombre, scrivendone/cantadone spesso. Si prenda questo lancinante Il testamento del Capitano (crossover di canti di guerra e canzoni inedite sulla guerra) e, per cominciare, si provi a tradurlo in similitudine terra-terra ma esplicativa: se questo disco fosse un colore sarebbe bianco e rosso di neve e si sangue. E se mai avesse anche un sapore avrebbe quello acre della paura, quello amaro del dolore, quello ferroso di armi, munizioni e - di nuovo - del sangue che scorre. A fiumi. Il testamento del capitano (dal titolo di una delle canzoni-simbolo della Prima Guerra Mondiale) è un disco da prendere e, come si dice, incorniciare. Un disco poderoso e struggente, un piano sequenza sui capitoli intimi, le facce, le vite, le macerie di un conflitto lontano nel tempo, sopravvissuto per lampi, tramandati eroismi, ricordi dolenti, soprattutto nella memoria collettivai delle Terre "rosso su verde" dove più si è combattuto.

Le rarefazioni poetiche, unitamente alla capacità evocativa della scrittura buboliana appaiono in quest’album veicolate in senso dialettico, per mezzo di frame personalissimi, tenui e crudeli. Immagini dense (quasi estenuate) di angoscia e, malgradoi tutto, di speranza, quest`ultima riconducibile all’amore che non muore mai. Le raccontano gli inediti - Neve su neve,  Da Caporetto al Piave, Vita di trincea -, lo racconta la colonna sonora della meglio gioventù di allora partita soldato -  La tradotta, Tapum, L’alba che verrà, Sui monti Scarpazi, interpretata, con Bubola, dalla bellissima voce di Lucia Miller. Ne discende un affresco traslato, arrivo a dire meta-musicale tanto è compiuto. Un album necessario, controcorrente, asciutto, anti-retorico, seppure in grado di sollevare domande su domande sul senso autentico della guerra. Un album corale, insomma, che ci riguarda tutti, e per questo concluso con l’originale ri-proposta di Rosso su verde e Noi veniamo dalle pianure interpretate dal coro ANA-Milano.

 

 

 

Track List

  • NEVE SU NEVE
  • BOMBARDANO CORTINA
  • SUL PONTE DI PERATI
  • IL TESTAMENTO DEL CAPITANO
  • DA CAPORETTO AL PIAVE
  • VITA DI TRINCEA
  • SUI MONTI SCARPAZI
  • LA TRADOTTA
  • TA PUM
  • L`ALBA CHE VERRÀ
  • ROSSO SU VERDE

Massimo Bubola Altri articoli