Giuliano Clerico - Il costruttore di meccaniche sognanti

Giuliano Clerico

Il costruttore di meccaniche sognanti

2010 - autoprodotto

Emergenti Songwriting canzone d´autore

14/06/2011  |  di Francesco Bove

Share on Facebook

Ripercorrendo il testo de La schiavitù del corpo, c'è bisogno di soddisfazione e un album come Il costruttore di meccaniche sognanti di Giuliano Clerico ne dà. Nato a Pescara nel 1977, Clerico ingloba nel suo stile tutti gli ascolti che hanno attraversato la sua vita sin da piccolo. Prima di approdare ad una forma di cantautorato molto vicina a quella di De Gregori, ha suonato, tra l'altro, in una formazione samba-reggae e in una pop-rock ma solo nel 2006 comincia a lavorare ai suoi progetti personali fino ad arrivare nel 2009, anno in cui si dedica anima e corpo alle sue meccaniche sognanti.

Il risultato è un lavoro godibile, aspro e blues, in cui Clerico gioca a fare il cantastorie e ad ammaliare con ironia, polvere e un retrogusto amaro e malinconico. I testi non sono sempre all'altezza delle melodie ma confermano l'attitudine da menestrello di Clerico, la sua sincerità e onestà intellettuale. In certi punti, il disco stagna, riparte claudicante per poi assestarsi definitivamente sul finale. Ma, nel complesso, si trovano molte risposte nella semplicità e Clerico è un cantautore interessante, di sostanza, che ha ben chiaro il suo percorso artistico e lo persegue attivamente, senza lasciare nulla di intentato. E allora ben vengano le sperimentazioni stilistiche, meglio mettere nero su bianco ogni singola idea e giocare con i suoni e le parole senza aver paura.

I numeri ci sono, brani come Banditi o Il menestrello o la stessa title track, pur se fanno tornare alla mente Rino Gaetano o i cantautori italiani degli anni '70, sono delicate e forti, virano verso suggestioni già battute ma, al tempo stesso, fanno piacere, regalano un sorriso, fanno pensare. D'altronde la missione del cantautore è proprio questa ed è già importante che ci siano artisti come Clerico che hanno memoria e ironia da vendere.

Share on Facebook

Track List:

  • Banditi
  • La schiavitů del corpo
  • Il duello
  • Preda
  • La voglia
  • Il costruttore di meccaniche sognanti
  • Il menestrello
  • Lo sfigato con la chitarra
  • Per chi ci crede
  • Clic

Giuliano Clerico

Leggi anche:

Recensioni:

A Buzz Supreme Marte Live Mk Records Musica contro le mafie