Incuintretimp<small></small>
World − Folk − canzone d`autore

Franco Giordani

Incuintretimp

2015 - Block Nota
17/08/2015 - di
La bellezza ha preso forma: una delle sue cento e mille forme ha trovato la propria attendibilità in questo cd del friulano Franco Giordani. E’ un disco di cui consiglio assolutamente l`ascolto e l`acquisto, custodisce canzoni che hanno corpo, suono e anima, songs che scavano tra le rughe, tra le emozioni e le cicatrici di una vita; una vita che trova la poetica delle piccole cose nel proprio cammino. E poi c’é un packaging molto bello, immagini ricche di suggestioni e nel booklet i testi e narrazioni che ci conducono in un percorso sonoro mai banale, mai scontato.

E’ un’emulsione di culture, di incontri cromatici che rimbalzano sulle rive di un torrente folk afferrando saperi popolari per poi sfogliare introspezioni e la visionarietà delle sensazioni in cui inciampa l’animo del poeta, con architetture sonore che battono nel cuore. C’è il cielo di montagna, il sapore dell’acqua fresca a cui abbeverarsi, le rughe del tempo e i calli sulle mani del lavoro duro, la sapidità del formaggio dei masi, i sentimenti, sogni e speranze dei luoghi e delle persone. Sentieri carnici, un bicchiere di vino e un po’ Ken Parker… Insomma è un disco bello, cantautorale, ricco di contenuti e sfaccettature, di sceneggiature e prospettive su più livelli di percezione.

In questo debutto solista Franco Giordani ha messo tutto se stesso, il suo mandolino, le chitarre, il bouzouki, il banjo e le proprie passioni annegate nelle visioni che gli sobbollano dentro. Oltre ai suoi testi c’è il prezioso aiuto di Luigi Maieron e qualche altro fratello di strada.

Il suo è un curriculum variegato che lo vede coinvolto in una miriade di iniziative di buona valenza culturale che lambiscono letteratura, teatro e musica. La logica e naturale scuola delle bande giovanili fa da preludio a collaborazioni come quella notoria con Luigi Maieron, ma lo troviamo anche bazzicare con i Mé Pék & Barba.

Scegliere quali canzoni di Incuintretimp dovremmo raccomandare l’ascolto non è semplice: Giordani mischia folk (con un sentore di irlanda e americana) e sensibilità italiana, con un suono maturo ed una scrittura davvero interessante; storie di paese, testi sia in italiano che in dialetto, con la musica che scorre nel sangue e la polvere delle strade percorse sulle scarpe, ogni track è una piccola pepita di fiume, un piccolo gioiello di eleganza e autenticità emotiva.

Brani come la vivace ouverture di Cuintretimp (Controtempo) - (bello l`uso del mandolino e della fisa), le introspezioni della splendida Quando Sei In Guadagno e delle disillusioni malinconiche di Nel Giro di Uno Sguardo; il brio tagliente di Gente persa Per La Città (una delle perle del cd) sono canzoni di indubbio spessore.

Ma lo stesso vale per la lirica sensibilità di Piel Scure, per le disilluse amarezze aspre di un’altra gemma da incorniciare come Prove A Dimi Tu (Prova A Dirmi), il nervosismo di Non Ho Mai, le reminescenze folkye dei sentimenti di Solitudine E Libertà, la sensibilità nel penoso dolore veritiero di Fum o le affinità con il De Sfroos dei bei tempi nella frizzante La Ballata Di Ricardo.

E in chiusura una bonus in inglese con l’amabile rilettura di The Old Triangle del drammaturgo e poeta irlandese Brendan Behan. 

Incuintretimp: una certezza di musica di qualità; bravo Franco!

Track List

  • Cuintretimp
  • Quando sei in guadagno
  • Nel giro di uno sguardo
  • Piel scure
  • Gente persa per la città
  • Prove a dimi tu
  • Cosa importa
  • Non ho mai
  • Solitudine e libertà
  • Fum
  • La musica e una preghiera
  • Effetti speciali
  • The old triangle

Franco Giordani Altri articoli