Love and theft<small></small>
Americana

Bob Dylan

Love and theft

2001 - COLUMBIA
09/10/2001 - di
Spesso nello scrivere recensioni si è tentati da eleganti parole che comunichino la sensazione della musica, dilemma che poi si complica in casi di dischi non all´altezza: il rischio è di creare un divario tra la qualità della musica e quello che si mette per iscritto.
Nel parlare dell´ultima uscita di Bob Dylan, si vorrebbe, e in un certo senso si dovrebbe, attingere ad un linguaggio netto, scarno con qualche improvvisa impennata poetica, ma più continuo ad ascoltare "Love and theft" più ho la sensazione che parole e suoni questa volta non riescano a sollevarsi.
In seguito alla recente tournèe e alle dichiarazioni dello stesso Dylan, si era creata una grande attesa attorno a questo disco, e mi devo tuttora sforzare per mantenere un ascolto distaccato dai desideri. Tutti vorremmo che Dylan facesse un disco con lo stesso suono che ci ha incantato durante le serate italiane, ma ci vorrebbe un live e in quel caso bisognerebbe riconoscere il peso che hanno in scaletta i suoi cavalli di battaglia.
I musicisti che suonano su "Love and Theft" sono la stessa band che da anni accompagna Dylan on the road (Charlie Sexton, Larry Campbell, Tony Garnier e David Kemper), solo che in studio si trovano a dover rispettare le strutture rigide delle canzoni, senza poterle spogliare e vestire a piacimento. A tratti si percepisce il talento della band, che però deve giocare molto sulla ripetizione per creare ritmi e tappeti in grado di supportare i versi di sua maestà.
Dylan infatti torna a sgranare le parole, ad incalzare le canzoni con un susseguirsi di concatenazioni, soprattutto nei brani più sostenuti. Non so se la scelta sia causa od effetto del gioco delle citazioni, ma alla lunga risulta un po´ tediosa e seriosa. Entrare nel linguaggio di questo disco significa camminare in un labirinto di incastri, forse neanche tutti voluti: sono chiari i riferimenti a Lewis Caroll, a Shakepseare, a Frank Sinatra, a Big Joe Turner, a Charlie Patton, a Eric Lott, a Fitzgerald, a Darwin e a Tennesse Williams, mentre rimangono dubbiosi quelli a Hemingway e a Blake.
Un po´ snob, un po´ intellettuale, un po´ bluesman e anche un po´ sentimentale sembra essere il personaggio che Dylan stavolta rappresenta con la sua musica: le canzoni infatti si dividono tra brani di stampo più blues e altre ballate più lente che ricordano il canto crooner della prima metà del secolo scorso.
L´album riesce ad uscire dall´ordinarietà solo con "Summer days", uno swing veloce che corre su chitarre in stile Django Reinhardt, e con "High water", un brano enorme ricamato da dobro e banjo.
Prezioso il lavoro alla fisarmonica di Augie Meyers in "Sugar baby" e la trama di percussioni che apre il disco nell´iniziale "Tweddle Dee and Tweddle dum", ma non basta a fare di "Love and theft" il capolavoro che tutti aspettavamo.
Dylan pesca a piene mani nelle radici della musica americana, come ha sempre fatto, solo che questa volta sembra si sia divertito a risuonare pezzi e autori di cui è innamorato da tempo: è futile il richiamo a "Blue moon" nella stereotipata "Bye and bye" e troppo monocordi certe sue interpretazioni. Si sa, la voce di Dylan sale e scende e il suo fascino sta nei risvolti che riesce a creare proprio quando prende fiato o si incrina nelle sue asprezze. Sarà faticoso, non solo per i dylaniani, accettare che anche quella risulta troppo normale.
Alla fine a salvare il disco è quel senso di imminenza sprigionato dai testi, ma come ci si può accontentare di una fitta parafrasi da parte di un´artista che ha scritto storia e poesia a tempo di rock?
Abbinare parole e musica non è un compito facile per nessuno.


Discografia:

Love And Theft
Columbia 2001
The Essential Bob Dylan
Legacy Records 2000
Live 1966... The "Royal Albert Hall" Concert
Legacy Records 1998
Time Out Of Mind
Columbia 1997
Bob Dylan´s...Vol. 3
Columbia 1995
MTV Unplugged
Columbia 1995
Bob Dylan´s Greatest Hits Vol. 3
Columbia 1994
World Gone Wrong
Columbia 1993
Good As I Been To You
Columbia 1992
The Bootleg Series Vols. 1-3... [Box]
Columbia 1991
Under The Red Sky
Columbia 1990
Oh Mercy
Columbia 1989
Dylan & The Dead
Columbia 1989
Down In The Groove
Columbia 1988
Knocked Out Loaded
Columbia 1986
Biograph [Box]
Columbia 1985
Empire Burlesque
Columbia 1985
Real Live
Columbia 1985
Infidels
Columbia 1983
Shot Of Love
Columbia 1981
Saved
Columbia 1980
At Budokan
Columbia 1979
Slow Train Coming
Columbia 1979
Street Legal
Columbia 1978
Desire
Columbia 1976
Hard Rain
Columbia 1976
Blood On The Tracks
Columbia 1975
The Basement Tapes
Columbia 1975
Planet Waves
Columbia 1974
Before The Flood
Columbia 1974
Dylan
Columbia 1973
Pat Garrett & Billy The Kid
Columbia 1973
Bob Dylan´s Greatest Hits Vol. II
Columbia 1971
New Morning
Columbia 1970
Self Portrait
Columbia 1970
Nashville Skyline
Columbia 1969
John Wesley Harding
Columbia 1968
Bob Dylan´s Greatest Hits
Columbia 1967
Blonde On Blonde

Columbia 1966 Bringing It All Back Home
Columbia 1965
Highway 61 Revisited
Columbia 1965
Another Side Of Bob Dylan
Columbia 1964
The Times They Are A-Changin´
Columbia 1964
The Freewheelin´ Bob Dylan
Columbia 1963
Bob Dylan
Columbia 1962

Track List

  • TWEEDLE DEE & TWEEDLE DUM
  • |MISSISSIPPI
  • |SUMMER DAYS
  • |BYE AND BYE
  • |LONESOME DAY BLUES
  • |FLOATER (TOO MUCH TO ASK)
  • |HIGH WATER (FOR CHARLEY PATTON)
  • |MOONLIGHT
  • |HONEST WITH ME
  • |PO’ BOY
  • |CRY A WHILE
  • |SUGAR BABY