Un mondo raro . Vita e incanto di Chavela Vargas<small></small>
World − Folk

Antonio Di Martino E Fabrizio Cammarata

Un mondo raro . Vita e incanto di Chavela Vargas

2017 - Picicca
04/03/2017 - di
Molto probabilmente poche persone in Italia conoscono Chavela Vargas, ma questo interessante e meritevole progetto, un disco e un libro, consentirà finalmente di avere un conoscenza più vasta  anche nel nostro paese di questa straordinaria artista, una sorta di Edith Piaf latinoamericana, che in Messico è un’autentica leggenda e che ha raggiunto fama mondiale solo a ottanta anni.

Ma chi era Chavela Vargas ?

Nata nel 1919 in Costarica a 14 anni si trasferisce, in una sorta di fuga per la libertà,  in Messico, nella cui capitale  inizia  a cantare per le strade e nelle taverne, diventando  “la signora dal poncho rosso” e la  regina della musica “ranchera”  grazie alla sua voce roca e a uno stile che emozionava un vasto pubblico. Cantava canzoni d’amore che raccontavano storie di donne, storie romantiche,  cuori infranti,  e conduceva una vita turbolenta, trasgressiva, e ricca di passioni, di musica e di tequila, diventando la musa di Pedro Almodovar che l’ha definita “la rude voce della tenerezza”, una vita ribelle contro la bigotta e chiusa società latinoamericana, manifestando apertamente la sua omosessualità, è stata infatti anche l’amante della pittrice  Frida Khalo, ma anche di Lev Trockij esule in Messico.

La sua prima incisione è però solo del 1961, all’età di 42 anni, ma saranno oltre  80 (!!) gli  album realizzati  durante la sua carriera che l’ha vista ritirarsi nel 1979 per problemi di alcool e realizzare un clamoroso e trionfale  comeback nel 1990, a 71 anni, con recital su prestigiosi palchi come  l’Olympia di Parigi e la Carnegie Hall a New York. Ha lasciato questo mondo il 5 agosto 2012, a 93 anni e tutti i rancheros di Città del Messico si sono riuniti davanti alla sua bara a suonare le sue canzoni.

Tutto questo ha colpito e interessato due bravi ed apprezzati cantautori siciliani, Antonio Di Martino e Fabrizio Cammarata, entrambi con alcuni pregevoli album alle spalle, che hanno deciso di dedicare un appassionato omaggio, attraverso un disco con dieci delle sue canzoni tradotte in italiano  e un libro che racconta la sua straordinaria storia.  

In realtà i nostri due sono andati anche in Messico per incontrarla, ma questo non è stato possibile a causa delle cattive condizioni di salute dell’artista, ma in quell’ occasione hanno avuto modo di conoscere i due anziani e fidati chitarristi che accompagnavano Chavela Vargas, cioè Miguel Pena e Juan Carlos Allende, i Los Macorinos, e sono riusciti a coinvolgerli per suonare nel disco, in una sorta di continuità musicale  con la grande cantante.

I dieci brani sono stati scelti tra le più belle canzoni di Chavela Vargas, che trasudano passione, nostalgia, amore,  vita, morte, attraverso suoni nostalgici, struggenti, spesso tristi,  suonati in maniera intima, semplice e diretta con le chitarre acustiche in evidenza e l’aggiunta qua e là di tromba, pianoforte, percussioni e violini, con le voci di Di Martino e Cammarata che si alternano al canto.  

Difficile resistere al fascino di splendidi brani come Non tornerò, che è anche il primo singolo estratto dall’album,  alla sinuosa ed avvolgente Macorina, ritratto sensuale di una donna e di Cuba,  alla struggente Le cose semplici, alla saudade di Non sono qui e Croce di Addio, alla vivace Andiamo via, vero inno contro le paure e i pregiudizi che uccidono l’amore, e alla struggente e delicata melodia di Pensami che chiude il lavoro.

Un grande plauso ai bravi Antonio Di Martino e Fabrizio Cammarata per averci regalato questa (ri) scoperta musicale, una gemma per troppo tempo ingiustamente sconosciuta nel nostro paese.

 Non perdete anche il libro dallo stesso titolo, edito da La Nave di Teseo, con la complicità di Pino Cacucci che ha scritto una bella introduzione.

La musica ci regala sempre nuove emozioni.

 

Track List

  • Non tornerĂ²
  • Macorina
  • Un mondo raro
  • Le cose semplici
  • Non son di qui
  • Croce di addio
  • Verde luna
  • Le ombre
  • Andiamo via
  • Pensami