Al via Parabiago d'Autore 2013

Al via Parabiago d'Autore 2013


09/03/2013  |  News di mescalina.it



 

Parabiago d’Autore 2013
 Percorsi di musica italiana

 

 

Partirà a Marzo 2013 la terza edizione di “Parabiago d’Autore”, la rassegna organizzata dal Comune di Parabiago che vede la direzione artistica de L’Isola che non c’era, punto di riferimento nel panorama della musica italiana.

 

“Parabiago d’Autore” è la voglia di creare una serie di appuntamenti mensili (quattro all’anno, tre indoor e uno all’aperto) che tendono a costruire un percorso musicale che non sia figlio dell’evento singolo di grande richiamo, ma piuttosto un tentativo, finora riuscito, di “abituare” il pubblico a conoscere artisti di valore che spesso non riescono ad avere quella visibilità che meritano, unitamente a qualche nome di spicco. Tre appuntamenti “al chiuso” che insieme ad quarto concerto, “estivo” (da tenersi nella splendida location di Villa Corvini e il suo parco), sono la giusta sintesi per questa rassegna improntata alla musica italiana di qualità.

 

Negli otto appuntamenti finora organizzati, le proposte hanno saputo far convivere il cantautorato storico con le nuove leve, concerti dal taglio più acustico senza tralasciare qualche data più coinvolgente. Ecco i nomi che hanno partecipato alle prime due edizioni:

Alberto Fortis, Elisir, Zibba & Almalibre, Niccolò Fabi, Armando Corsi & Giua, Max Manfredi, Mariella Nava e i Quintorigo.

 

E per la stagione 2013 il cast artistico rafforza e conferma ulteriormente quella ricerca e voglia di portare a Parabiago una rassegna che sappia coniugare nuovi fermenti musicali e una qualità oggettiva della proposta.

 

Dopo due edizioni nelle quali abbiamo cercato di avvicinare il pubblico alla musica italiana d’autore presentando, accanto ad artisti affermati anche giovani speranze e molti vincitori di premi autorevoli (ad esempio Zibba, ospite a marzo 2012 e vincitore del Premio Tenco a novembre), da quest’anno e nelle edizioni a seguire Parabiago d’Autore estende il concetto di cantautorato andando a pescare nelle origini e nelle contaminazioni internazionali di genere.

Da qui discende la scelta di proporre, sempre artisti italiani, autori di musica originale che si rifà ai grandi filoni del songwriting folk, rock, blues americano, degli chansonniers francesi, della musica sudamericana, della canzone teatro/cabarettistica, variazioni che sempre più si stanno affermando negli spettacoli teatrali e televisivi rendendo avvincente la scoperta di mondi musicali non ancora entrati negli ascolti di massa.

 

Ci saranno quindi momenti dal forte impatto musicale (come il Tributo ad Ivan Graziani o la nuova icona del rock-blues al femminile Arianna Antinori) ed altri più improntati alle atmosfere jazz (Paolo Jannacci) passando alle venature cantautorali contaminate dal teatro-canzone/cabaret (Fabrizio Casalino). Qui di seguito il programma della rassegna, con una piccola presentazione per ogni concerto così da inquadrare ancora meglio la portata artistica degli eventi

 

 

 

Sabato 09 marzo – Sala Biblioteca

ARIANNA ANTINORI

 

Nome relativamente nuovo per la scena italiana, Arianna si è imposta nel mondo del rock-blues entrando dalla porta principale, vincendo nel 2010 un contest internazionale dedicato a Janis Joplin, icona assoluta sul finire degli anni ‘60 e ancora adesso ricordata come pietra miliare della musica rock blues mondiale. Questo prestigioso premio le ha permesso di diventare la voce ufficiale in Italia e in Europa delle tournée dei Big Brother & the Holding Company, storica band della Joplin. Dotata di una splendida voce graffiante e morbida al tempo stesso, Arianna ha un repertorio che spazia dagli evergreen internazionali fino a canzoni di sua produzione che ne evidenziano tutte le sue potenzialità. Grande trascinatrice sul palco, riesce a dare il massimo sia nelle esibizioni più rock sia negli ambiti dove è più funzionale un’atmosfera semi-acustica. Sul palco anche il famoso armonicista Marco Pandolfi.

• Aprirà il concerto JAMA, cantautore folk-blues milanese

 

 


Sabato 13 aprile – Sala Biblioteca


FABRIZIO CASALINO

 

Volto noto per via delle numerose apparizioni televisive, Casalino (genovese, classe 1970) nasce però come cantautore. Un percorso che lo porta al Premio Tenco a soli 23 anni e ad acquisire una certa disinvoltura sul palco. A questo si aggiunge una dose di simpatia innata che lo aiuta a farsi notare anche negli ambiti più vicini al cabaret. Inizia così un crescendo di popolarità che lo vede protagonista in molte trasmissioni televisive: a Colorado con Diego Abatantuono, dove ha inventato Giginho, il brasiliano con la chitarra, e a Mai Dire con la Gialappa's Band, dove ha dato vita a Mirko, adolescente svogliato, altre volte invece porta la sua verve di intrattenitore (una per tutte, Ballarò su Rai 3, in cui si esibisce live in studio). Ma come dicevamo, prima di tutto è musicista e cantautore. Oggi propone uno spettacolo di canzoni sue dal titolo “L'uomo proiettile”. Un concerto dedicato ai pezzi "seri ma non troppo", in cui la vis comica di questo artista diventa lo strumento per dare spazio -una volta tanto- a canzoni vere. Uno spettacolo che stupisce per la capacità di cambiare tono e per la ricchezza dei contenuti.  Insieme a lui Andrea Maddalone,  chitarrista di talento  (Oxa, Ramazzotti, Gino Paoli, New Trolls, Berté, ecc, oltre 50 album come turnista) dà alle composizioni la loro veste più congeniale: due chitarre, ritmo, accordature aperte, sonorità ricercate e tanto coinvolgimento con il pubblico.

• Aprirà il concerto MASSIMO SCHIAVON, cantautore genovese

 

 

 

Sabato 11 maggio – Sala Biblioteca

PAOLO JANNACCI

 

Ridurre la figura di Paolo Jannacci come semplice “figlio d’arte” sarebbe riduttivo e fuorviante. Paolo è soprattutto un grande musicista e suona perfettamente pianoforte e fisarmonica. Negli anni ha studiato arrangiamento e composizione che gli hanno permesso di diventare un apprezzato autore di colonne sonore e punto di riferimento per alcuni spettacoli televisivi (citiamo almeno Zelig, dove per tre stagioni è stato il coordinatore della parte musicale con una band di prim’ordine). Pur non avendo la straordinaria capacità “cantautorale” del padre Enzo (che, ricordiamolo, è uno dei massimi esponenti della musica italiana), Paolo Jannacci ha saputo costruirsi un proprio repertorio, che unisce tutto il suo amore per la musica jazz con gli standard del padre fino ai brani di sua nuova composizione come “Allegra”, l’album fresco di stampa ed uscito ad inizio 2013. Dotato di una forte carica di simpatia (in questo sì, è molto vicino al padre…), nei suoi concerti dal vivo la componente essenziale che non può mai mancare è l’energia, la sua capacità di coinvolgere il pubblico da dietro il suo inseparabile pianoforte.

 

 

 

 

Sabato 15 giugno – Parco di Villa Corvini

FILIPPO CANTA IVAN GRAZIANI

 

Ivan Graziani è stato uno dei più importanti cantautori italiani. Uno dei tanti, certo, ma di sicuro uno dei più amati da almeno tre generazioni. Sono molti i modi per ricordare un grande artista, e quello scelto per la data estiva di Parabiago d’Autore è certamente il migliore ed il più vero. “Viaggi e intemperie”, questo il titolo dello spettacolo (preso in prestito dal titolo di un suo vecchio album) è una cavalcata di vent’anni di successi e di emozioni. Sul palco non una band qualsiasi, ma la stessa che suonò nell’ultimo tour di Ivan nel 1995, tra cui ricordiamo anche il figlio Tommy Graziani alla batteria. E alla voce Filippo Graziani, figlio minore di Ivan che pur non avendo mai “suonato” con il padre ne ha assorbito tutta l’energia e la potenza di suono durante i live. Lo spettacolo di snoda con i suoi classici immortali come Agnese dolce Agnese, Lugano Addio, Pigro, Monna Lisa, Firenze, eccetera, per oltre due ore di spettacolo puro. La ciliegina sulla torta è la straordinaria somiglianza della voce di Filippo con quella del padre, in un vortice di emozioni che saprà regalare un evento indimenticabile.

 

--------------------------------

 

 

Come di consueto la manifestazione godrà di una campagna promozionale adeguata, mentre compito della testata L’Isola che non c’era sarà quella di presentare al meglio ogni singolo artista prima della relativa data con un’intervista e approfondimenti vari sui canali multimediali di cui dispone (sito web, facebook, ecc.)

 

Sempre in sinergia con L’Isola, l’ufficio stampa del Comune di Parabiago attiverà un lavoro di comunicazione che si concentrerà nei comuni dell’Alto Milanese attraverso affissioni, locandine, segnalazioni radiofoniche e a mezzo stampa.

Come per le altre due edizioni, qualche settimana prima dell’inizio della manifestazione verrà convocata una conferenza stampa di presentazione nella sala consigliare del Comune di Parabiago.

 

 

 

L’ISOLA srl

Via Sempione, 25  Pero (MI)  -  www.lisolachenoncera.it

 

A Buzz Supreme Mk Records Musica contro le mafie Marte Live