Mi Ami

Mi Ami

MI AMI 2017: 13° edizione // 25-26-27 maggio.


03/05/2017 - di mescalina.it


Rockit.it & Better Days

presentano

MI AMI 2017

Musica Importante a Milano

13° edizione // 25-26-27 maggio // c/o Idroscalo di Milano – Circolo Magnolia

 
CARMEN CONSOLI, BAUSTELLE e LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA tra i nomi della 13ma edizione
 

Dopo il grande successo della scorsa edizione, con oltre quindicimila persone che hanno assistito agli incredibili live di Cosmo, I Cani, Calcutta, Ministri, Iosonouncane, Noyz Narcos e Crookers, si avvicina la tredicesima edizione del MI AMI, il festival organizzato da Rockit.it e dall’agenzia creativa Better Days che è oggi a tutti gli effetti un evento imprescindibile per la musica italiana. Come da tradizione, quest’anno i giorni del MI AMI tornano ad essere tre, da giovedì 25 a sabato 27 maggio, per un lungo weekend di musica, fumetti, arte e molto altro nella splendida cornice dell`Idroscalo di Milano.
Il 2017 è un anno importante per Rockit.it che, nato nel 1997, compie quest`anno i suoi primi vent`anni di presenza sul web. Anni confusi e felici, come nella famosa canzone di Carmen Consoli, dedicati al talent scouting e al supporto dei nuovi artisti italiani, dapprima nell`era pionieristica di internet, poi in quell`eterno futuro che è diventato presente. Le Luci della Centrale Elettrica, Brunori Sas, Dente, Calcutta, Thegiornalisti: tutti nomi che oggi raccolgono grandi numeri e che si sono esibiti, nel corso degli anni, sul palco del festival.

La cosa bella del MI AMI è di quanto è cresciuto negli anni mantenendo la sua ispirazione e freschezza originaria. Siamo molto orgogliosi, molto confusi e ovviamente molto felici nel presentarvi il MI AMI di quest’anno. Ci sono degli artisti importantissimi per la Musica Italiana, a tutti i livelli: artisti che hanno fatto, stanno facendo e faranno la Storia. Tutti insieme per 3 giorni su 3 palchi in un clima bellissimo di scoperta, condivisione e amore. Perché questa è la vera Magia del MI AMI, come un gesto delicato pieno di forza e poesia, come un qualcosa di imprevisto e bellissimo che ti porta via, e noi non vediamo l’ora di vederla succedere -ancora una volta- negli occhi che brillano di tutti (spettatori, artisti, staff). E come diciamo dal 2005: e se ci scappa qualche bacio tanto meglio” dichiara Stefano Bottura, direttore del MI AMI Festival.

Ancora una volta tre i palchi che animeranno i giorni del festival (Palco Dr. Martens, Palco Rizla, Palco Raffles Milano/MI FAI) su cui si alterneranno grandi nomi e nuove scoperte della musica italiana, a cui si aggiunge il Sailor Jerry Camp, una zona tutta nuova in cui rifugiarsi tra un live e l’altro che si accenderà con una serie di eventi a sorpresa. Tra i tanti artisti che si esibiranno quest’anno: i Baustelle, band italiana che non ha bisogno di presentazioni, che dopo 7 album approda al MI AMI per la prima volta promettendo uno show indimenticabile tutto da ballare sulle note dell’ultimo L’amore e la violenza; Le Luci della Centrale Elettrica, poeta indiscusso della sua generazione che porta al festival il suo ultimo Terra, un disco amato da critica e pubblico, per raccontare in maniera ancora una volta inedita il mondo che stiamo vivendo; Giorgio Poi, voce dei Cairobi al suo esordio da solista con un album tra Lucio Battisti e la psichedelia; Il Pan del Diavolo, duo folk-rock palermitano che a tre anni di distanza torna sul palco del MI AMI con un live che farà saltare il pubblico. Non potevano mancare per questa tredicesima edizione gli Zen Circus, veterani del MI AMI che da mesi collezionano sold out in tutta Italia.
Ma come sempre il MI AMI è anche il luogo dove scoprire la nuova musica italiana. Tantissimi gli esordi che verranno celebrati sui palchi del festival: l’indie-pop romantico dei Canova, il punk post-adolescenziale dei casertani Gomma e le sorprendenti melodie pop di Colombre. E ancora, i debutti assoluti di Christaux (il nuovo progetto di Clod degli Iori`s Eyes) e dell’Istituto Italiano di Cumbia All Stars, progetto capitanato da Davide Toffolo. A portare novità e freschezza ci saranno anche i Pop X, fenomeno musicale creato da Davide Panizza e soci tra elettronica, pop e una certa dose di follia, i Les Enfants, che tornano sul palco del MI AMI dopo l’esperienza a X Factor e il soul di Davide Shorty. Sui palchi del MI AMI trova ovviamente spazio anche il rap, da Mecna al suo ritorno sulla scena con Lungomare Paranoia, a Coez che apre il tour del suo nuovo disco (prodotto da Niccolò Contessa dei Cani) proprio al MI AMI, dove si era esibito in uno dei suoi primi concerti milanesi. È il ritorno in grande stile di uno dei più amati nuovi rapper-cantautori italiani. Oltre a loro, saranno sui palchi del MI AMI anche Achille Lauro, Maruego, Laioung (accompagnato da The RRR Mob) e Carl Brave x Franco126. Da non perdere, infine, i live di Margherita Vicario, giovanissima cantautrice nonché attrice per il grande schermo (tra i suoi film Arance e Martello e The Pills – Sempre meglio che lavorare) e Edda, ex voce dei Ritmo Tribale.

Ma la vera sorpresa di quest’anno sarà la Cantantessa per eccezione, Carmen Consoli, a cui è dedicato l’hashtag di questa edizione, #confusiefelici. Ed è proprio con questo spirito, tra emozione e stupore, che il MI AMI propone sul Palco Dr. Martens il live di una delle cantautrici italiane più significative e amate del panorama italiano: un appuntamento unico e imperdibile, un concerto-evento creato appositamente per il pubblico del festival. Tra il tour teatrale “Eco di sirene” e prima dell’inaugurazione della stagione al Teatro Greco Romano di Catania, il 25 maggio Carmen Consoli porterà al MI AMI un live che segna il passaggio tra questi due progetti, un concerto costruito come un fiume in piena, che nasce voce e chitarra e si sviluppa e amplifica lentamente.

Anche quest’anno ad accompagnare le tre giornate del MI AMI non poteva mancare il MI FAI, lo spin off illustrato del festival, il palco dove musica e illustrazione si incrociano in maniera speciale e unica. I live del Palco Raffles Milano saranno accompagnati da live painting esclusivi, realizzati da dodici artisti con visual inediti per più di 20 ore d`illustrazione, fumetto, digital e video art con proiezioni su ledwall.
Saranno protagonisti del MI FAI: Martoz, Marina Marcolin, Giulia Conoscenti, Giorgio Bartocci, Superinternet, Karol Sudolski, Aloha Project, Giò Pastori, Cristina Spanò, Davide Bart Salvemini, Chiara Dal Maso, Vincenzo Filosa.
Autrice del manifesto della tredicesima edizione è Viola Niccolai, toscana classe 1986, che con la sua illustrazione racconta la meraviglia di un gesto gentile in una cornice esotica, sempre più calzante per la città di Milano. Fa parte del collettivo La trama autoproduzioni. Ha collaborato con la rivista Hamelin e il NY Times. A settembre 2014 ha pubblicato per Topipittori il suo primo albo illustrato, La volpe e il polledrino, su un racconto di Antonio Gramsci.
 

BIGLIETTI E ABBONAMENTI

L`ingresso al MI AMI costa 23 euro (+d.p.) a giornata in prevendita. I biglietti in cassa costeranno 23 euro a giornata. Bambini fino a 12 anni (inclusi): ingresso gratuito

L’abbonamento ai tre giorni costa 52 euro (+d.p.) in prevendita e 60 euro alle casse del festival

LA TESSERA ARCI NON SERVE.

Prevendite disponibili su: Mailticket, Xceed, Ticketone

MI AMI 2017

#miamifestival / #confusiefelici

25-26–27 maggio - Idroscalo di Milano, c/o Circolo Magnolia

www.miamifestival.it

Evento Facebook - Pagina FacebookTwitterInstagram - Pinterest

Ufficio stampa MI AMI 2017

Delia Parodo – delia.parodo@gmail.com

Mob. +39 3204048063

Marta Ianelli – stampa@rockit.it

PROGRAMMA MI AMI 2017

GIOVEDÌ 25 MAGGIO
(APERTURA CANCELLI ORE 19:00)

PALCO DR. MARTENS – Carmen Consoli, The Zen Circus, Il Pan del Diavolo, Niccolò Carnesi
DJSET: Nikki plays guitar
PALCO RAFFLES MILANO – Dimartino + Cammarata, Pieralberto Valli, Lucio Corsi, Campos, Eva, Henry Beckett, Kiol

VENERDÌ 26 MAGGIO
(APERTURA CANCELLI ORE 16:30)

PALCO DR. MARTENS – Baustelle, Giorgio Poi, Drink to me, 19’40’’/Esecutori di metallo su carta ensemble
AFTERSHOW: Liberato, Bruno Belissimo, Rocoe & Body Heat
PALCO RIZLA – Coez, Mecna, Davide Shorty, Colombre, Altre di b, Revo Fever, Liede, Atlantico
AFTERSHOW: Achille Lauro
PALCO RAFFLES MILANO – Maruego, RRR Mob, Carl Brave x Franco126, Murubutu + La Kattiveria & dj T-Robb, Inude, Ldnfk, Dutch Nazari, Technoir

SABATO 27 MAGGIO
(APERTURA CANCELLI ORE 16:30)

PALCO DR. MARTENS – Le luci della centrale elettrica, Edda, Management del dolore portoperatorio, Christaux, /Handlogic
DJ SET: Pop X, Demonology Hi-Fi, Rockit All Starz
PALCO RIZLA – The Winstons, Gazebo Penguins, Canova, Les Enfants, Dulcamara, Persian Pelica, Gomma, Leute
AFTERSHOW: IISO, Spartiti (Jakka reverberi + Max Collini)
PALCO RAFFLES MILANO – Go Dugong B2B Ckrono “Balera favela”, Istituto Italiano di Cumbia All Stars, Populous, Montoya, Ioshi, Biro, Dizzyride, Margherita Vicario

 
MI FAI 2017

Il MI FAI è lo spin off del Festival dove arte visiva e musica si sintonizzano per creare uno spettacolo irripetibile. Al ritmo delle band del Palco Raffles Milano, dodici artisti realizzano visual inediti per più di 20 ore d`illustrazione, fumetto, digital e video art con proiezioni su ledwall.
Il cast completo degli artisti: Martoz (illustra: CAMPOS / HENRY BECKETT), Marina Marcolin (illustra: LUCIO CORSI / EVA), Giulia Conoscenti (illustra: DIMARTINO + CAMMARATA / KIOL), Giorgio Bartocci (visual per MURUBUTU + LA KATTIVERIA & DJ T-ROBB), Superinternet (visual per RRR MOB), Karol Sudolski, Aloha Project (visual per LNDFK / TECHNOIR), Giò Pastori (visual per GO DUGONG B2B CKRONO), Cristina Spanò (illustra ISTITUTO ITALIANO DI CUMBIA ALL STARS / BIRØ / MARGHERITA VICARIO), Davide Bart Salvemini (illustra MONTOYA / IOSHI), Chiara Dal Maso (illustra CAPIBARA / DIZZYRIDE), Vincenzo Filosa (report MI AMI 2017).

 
AREA EXPO / AREA MARKET / AREA CIBO

Come ogni anno non può mancare l’area expo-market destinata ai makers, alle etichette e alle autoproduzioni di qualsiasi genere. Senza dimenticare il MI MANGI, l`area ristoro attrezzata e tutta dedicata al buon cibo.

COME ARRIVARE AL FESTIVAL

Anche quest’anno sarà disponibile un servizio navette gratuito da Piazza Argentina/via Stradivari (in corrispondenza della fermata della linea 90 e a pochi metri dalla fermata delle metropolitana di Loreto).
Tutti coloro che arriveranno al festival in bicicletta riceveranno un drink in omaggio. Saranno disponibili all’interno del Circolo Magnolia apposite rastrelliere per le bicilette.

SPONSOR

MI AMI Festival 2017 è realizzato in collaborazione con:

Dr. Martens, da sempre, attrae persone che hanno uno spiccato stile individuale ma condividono lo stesso spirito, personaggi autentici che si sono distinti per qualcosa, persone che possiedono un forte senso d’orgoglio per l’auto-espressione; persone che sono diverse. A livello stilistico la scarpa Dr. Martens presenta una sagoma semplice che permette, a chi le porta, di sentirle come parte integrante dell’essere individuo e, allo stesso tempo, come elemento distintivo del proprio stile; a livello pratico la loro famosa durata e il comfort li rendono ideali per lo spietato mondo dei concerti e per la moda street style; a livello emotivo sono un elemento fondamentale per l’attitude e la crescita del proprio empowerment. Tuttavia, non è sempre stato così: prima di raggiungere il palco, le Dr. Martens affondano le proprie radici nel modesto mondo del work-wear, quando veniva venduta anche come scarpa da giardinaggio. Quindi, come ha fatto questo stivale da lavoro a trasformarsi in uno dei brand culturalmente più rilevanti dell`era moderna? Il marchio Dr. Martens è legato alla musica da oramai più di cinque decenni. Fin dall’inizio sono state diverse le subculture giovanili e i loro music-simbol ad adottare l’anfibio Dr. Martens come parte della loro uniforme ribelle, e quasi sempre senza che il marchio ne fosse coinvolto direttamente. Che sia tributabile agli skinhead, ai mod, ai punk o ai grunge, l’anfibio ha lasciato un segno indelebile nel vasto mondo delle sottoculture. Dr. Martens riconosce quanto i musicisti siano stati importanti nell’evoluzione del marchio e questo si evince in occasione del 50° anniversario, dove ha riproposto dei classici cult della loro musica di ognuno di loro, reinterpretati da band emergenti.

Sailor Jerry è il rum ispirato a Norman ‘Sailor Jerry’ Collins, padre fondatore del tatuaggio Old-School. Nato nella West Coast nel 1911, Norman Collins si guadagnò presto il soprannome ‘Jerry’ dopo che suo padre notò una simile disposizione caratteriale tra il giovane piantagrane e l’irascibile asino di famiglia. A 19 anni arrivò a Chicago, dove cominciò a perfezionare i suoi soggetti sotto le colonne di State Street. Poco tempo dopo si arruolò nella Great Lakes Naval Academy. In giro per il globo sulle golette, Jerry attraversò i mari della Cina e altri porti remoti. Fu durante i suoi viaggi in estremo Oriente che Jerry sviluppò una vera e propria fissazione per la cultura, l’arte e l’immaginario Asiatico. Al termine del suo periodo nella Marina, alla fine degli anni ’30, Collins decise di stabilirsi nell’allora remota isola di Oahu, Hawaii. Da qui, l’inizio di tutto: il suo piccolo studio in Hotel Street, nel quartiere di Chinatown, sarebbe presto diventato la meta di milioni di soldati e marinai, generalmente abituati a vivere al massimo ogni licenza di 48 ore al porto di Honolulu; e di lì in poi, Norman Collins sarebbe stato conosciuto unicamente come Sailor Jerry. Per i restanti 40 anni, Sailor Jerry ospitò nella sua roccaforte carovane di militari, continuando a perfezionare il suo stile deciso, in grado di incorporare i colori dell’America di metà secolo e la sensibilità delle linee Asiatiche. Convinto assertore della libertà di pensiero e inguaribile inventore di scherzi, Jerry fu un innovatore visionario, padre spirituale di tanti artisti che avrebbero seguito la sua strada, folgorati da quei soggetti destinati a resistere nel tempo. Con lo stesso spirito viene prodotto Sailor Jerry Spiced, il rum ispirato all’uomo e all’artista creato seguendo la ricetta originale della sua miscela preferita: botti selezionate ai Caraibi e l’aggiunta di quattro spezie – cannella, chiodo di garofano, vaniglia e zenzero – più un’infusione di lime, per quello che da tempo è diventato il prodotto cult di tutte le sottoculture underground internazionali.

RIZLA+ è “ l’originale” e iconico marchio di cartine per rollare, per chi ama distinguersi, per chi vuole esprimere la propria individualità. Grazie alla sua storia e alla sua forza di marca, RIZLA+ incarna i veri valori di originalità, individualità e vivacità. Nel 1929 inizia la storica associazione tra RIZLA+ e la musica: un furgone chiamato “The RIZLA+ Invisibile Players” e che trasporta un grammofono e altoparlanti esterni inizia un tour tra eventi e attrazioni turistiche nel Regno Unito riproducendo le canzoni degli artisti più conosciuti ai tempi. Nel corso degli anni la reputazione di RIZLA+ sulla creazione di momenti indimenticabili dedicati alla musica è aumentata sempre di più tanto che quest’anno RIZLA+ ha deciso di partecipare ad alcuni dei maggiori festival musicali del panorama Italiano. RIZLA+ è il marchio numero 1 al mondo di cartine per rollare, con la più alta quota nella categoria, presente in oltre 70 mercati al mondo. Marchio iconico, leader della categoria cartine da quando è stato creato fino ad oggi, combinando centinaia di anni di storia e di esperienza con una costante innovazione per garantire l’offerta delle migliori cartine. La storia di RIZLA+ inizia nel 1532 in Francia quando il suo fondatore Pierre Lacroix baratta parte della sua carta di altissima qualità con dello squisito champagne francese. L’attuale nome del marchio è nato nel 1866 con l’introduzione di uno dei componenti con cui venivano create le cartine ovvero il riso (RIZ in francese) unito a LA+, enigmatico riferimento al nome di famiglia, Lacroix, ovvero la croce. Il marchio RIZLA+ è di proprietà della compagnia inglese Imperial Tobacco.
Essere i primi non è una novità per RIZLA+. RIZLA+ è stato il primo marchio di cartine a promuovere attivamente la Musica, a scendere in pista come sponsor di Formula 1, MotoGP e più recentemente di SuperBike grazie alla collaborazione con la Yamaha-Crescent. In Italia RIZLA+ è leader di categoria con una quota di mercato del 60% e oltre 6 miliardi di cartine vendute nel 2015, con un range di prodotti variegato che offre più di 10 tipologie, dalle classiche RIZLA+ Blu e Silver alla RIZLA+ Micron, la cartina più sottile prodotta, alle originali Pink, fino all’ultima novità la RIZLA+ Natura realizzata con canapa organica. RIZLA+ è un prodotto destinato esclusivamente a consumatori adulti.

Raffles Milano Istituto Moda e Design. Una scuola con uno spirito e un metodo non tradizionali, pensata per chi vuole guardare il futuro diritto negli occhi, grazie a una squadra formidabile di docenti, nomi di spicco della scena internazionale dello stile e del design, e a un metodo che unisce sapere e saper fare. Una scuola il cui metodo formativo si ispira alla “bottega rinascimentale”, puntando il compasso sull’efficacia del lavorare su progetti veri per committenti veri, con docenti e studenti da subito coinvolti in una stretta relazione di dialogo e fiducia maestro/allievo. Una scuola dal respiro internazionale, grazie all’appartenenza al network di Raffles Group, fondato più di venticinque anni fa a Singapore e oggi in piena espansione, con 26 college in quattordici Paesi.
Alla linea di partenza ci sono i corsi triennali in Product design, Visual design e Fashion design, in italiano e inglese e una serie di Master per imparare dai protagonisti.
Raffles Milano, la scuola che non c’era. Ora c’è.

Emozione3 è un marchio recentemente acquisito dal gruppo Smartbox, leader europeo nel mercato dei cofanetti europei. In Emozione3 mettono tutta la loro passione per trovare le esperienze, le attività e i soggiorni più speciali così da creare un cofanetto di attività grazie al quale regalare la gioia impagabile di emozionarsi, di fare esperienze varie dal volo in mongolfiera al giro in barca a vela, dalla cena gourmet al festival musicale. Viviamo di emozioni. Per le emozioni. E le più belle nascono dai momenti felici e spensierati, quando torniamo un po’ bambini o realizziamo qualcosa che amiamo. Grazie ad Emozione3 è possibile regalare al 100% felicità. Quest’anno Emozione3 sarà per la prima volta sponsor del MI AMI perché quale emozione è più forte dell’innamorarsi davanti al palco di un concerto rock?

con il contributo di