"Sorprendermi Tour" di e con Gio Evan live a Lucera


28/03/2017 - News di MArtePress

Ultime ed esclusive tappe dell’imperdibile “Sorprendermi Tour”, l'ultima fatica di Gio Evan, scrittore per Rizzoli e tra i personaggi rivelazione di quest'anno, nato sul web. Prossimo appuntamento sabato 1 aprile, ore 20.30, al Palazzo D’Auria Secondo (piazza Guglielmo Oberdan,3) di Lucera (FG).

 

Sorprendermi Tour, scritto e interpretato da Gio Evan stesso, è la fusione tra uno spettacolo teatrale, un reading poetico, un convegno di filosofia umoristico e un concerto jazz. Accompagnato dalle musiche di  Giampiero Mazzocchi, alla tastiera e alla fisarmonica, l'autore interpreta e racconta la sua poesia passando per una rivoluzione lessicale.

 

Gio Evan cambia indirizzo ai luoghi comuni, sovverte il senso delle frasi fatte e dei modi di dire, obbligando il vocabolario alla sfida dell'improbabile. Lo spettacolo propone impegnative mescolanze verbali per provare quanti agganci lessicali vivono e aspettano di essere messi nuovamente in vita. Gio Evan a volte usa la poesia come scusante, per arrivare a spalancare le porte di un'immaginazione non violata e invitarci nel mondo del surreale, dell'incredibile, della meraviglia e della sorpresa. Il palco su cui si muove è asciutto e minimalista, lascia spazio sufficiente al vero protagonista: pensiero e poesia non pensata prima.

“Gio Evan non è altro che la movenza creativa della lingua, dove filosofia, umorismo, comicità, poesia e giochi di parole si alleano per esprimere la potenzialità di vivere molteplici vite” (Dr. Dino).

 

 

BIOGRAFIA

 

Gio Evan all’anagrafe Giovanni Giancaspro, nasce il 21 aprile 1988. Artista poliedrico, scrittore e poeta, filosofo, umorista, performer, cantautore e artista di strada.

Durante gli anni che vanno dal 2007 al 2014 intraprende viaggi che lo portano in India, in tutta Europa e in tutto il Sud America, con l'aiuto di una bicicletta. Comincia a studiare e vivere accanto a maestri e sciamani del posto, dai quali riceve iniziazioni sciamaniche e attivazioni al mondo vibrazionale e terapeutico. (In Argentina viene battezzato come “Gio Evan” da un Hopi).

Grazie a queste esperienze impara le sue arti, creandosi così una personalità molto forte e complessa. Si avvicina al surrealismo (da lui definito “sopra al reale”), al nonsense, al gioco sacro, alla parola-terapia e al lavoro sull’anima tramite le potenze dell'arte.

Nel 2008 scrive in India il suo primo libro “Il florilegio passato”, racconto che narra dei suoi viaggi, senza soldi né scarpe. Denota una forte ricerca spirituale e poetica visionaria mantenendo viva una sana comicità.

Nel 2012 e 2013 fonda “Le scarpe del vento”, progetto musicale dove scrive, canta e suona la chitarra.
Pubblica indipendentemente il suo primo disco "Cranioterapia", registrato in casa in qualità del tutto discutibile. Il genere è uno di quelli che non permette classificazioni. È un cantautorato onirico, accompagnato a tratti da armonie Blues.

Nel 2014 inizia due progetti per le strade francesi: “Gigantografie” e “Le poesie più piccole del mondo“.
Si tratta di attacchi poetici, un'esposizione artistica non autorizzata. Comincia a usare le città in cui si trova a passare come proprie mostre da visitare. Il progetto comincia a suscitare curiosità da parte di molti. Pubblica con Narcisuss il suo secondo libro e primo romanzo "La bella maniera".

Nel 2015 scrive e dirige "OH ISSA - Salvo per un cielo”; l’opera narra di un ipotetico dopo apocalisse e dei pochi superstiti, personaggi che risulteranno fondamentali per la salvezza dell’autore. Intrecci di parole e filosofie allegre caratterizzano lo stile unico dello spettacolo. Nello stesso anno pubblica con Narcisuss il suo terzo libro "Teorema di un salto", ragionatissime poesie metafisiche. Libro che suscita molto interesse da parte di critici e lettori.

Nel 2016 Miraggi Edizioni lo convince a firmare e a pubblicare il suo quarto libro "Passa a sorprendermi" confermandosi come poeta contemporaneo nella scena italiana. Nell'inverno stesso il successo dello spettacolo e le vendite del libro rendono Gio Evan il poeta contemporaneo vivente più seguito in Italia, successo notato subito da Rizzoli, che gli propone un contratto che Gio Evan non rifiuta.

A fine 2016 viene notato dall’etichetta MArteLabel e a inizio 2017 entra nel roster del marchio romano.