"Apri le gambe", il nuovo video della cantautrice Monica Pinto


22/03/2017 - News di Libellula Music

Ancora oggi, in un’epoca di grande liberalizzazione culturale, troppo spesso in tutto il mondo la donna e' relegata ad un ruolo di oggetto, di mero strumento sessuale. “Apri le gambe”, il nuovo singolo della cantautrice Monica Pinto, gia' vocalist della storica band degli Spaccanapoli, nasce sulla scia di questa presa di coscienza, come inno ad una sessualita' femminile consapevole e libera.

Un brano dal titolo volutamente provocatorio, in apparente contraddizione con il placido mood sonoro in cui si muove, che vuole mettere in luce il potenziale femminile, quell’essenza del femminino sacro che puo' trovare la sua manifestazione anche e soprattutto in una sessualita' vissuta con maggiore consapevolezza, liberata dal carico culturale che ancora vincola molte donne, in ogni parte del mondo, ad un ruolo sociale secondario.

Il raffinato e visionario video d’animazione che accompagna il brano, realizzato dal collettivo di animazione Controzeta Lab, si sviluppa come un quadro in movimento, disegnato e colorato interamente a mano, attraverso cui i colori e le forme ci raccontano un percorso alla scoperta della femminilita'. Un percorso che si snoda attraverso i quattro elementi naturali: acqua, terra, fuoco e aria, raffigurati ora esplicitamente, ora per allegoria, ed in cui la figura della donna si pone come guida di un magnifico e variopinto viaggio, attraverso il cui corpo essi fluiscono ed emergono al mondo.

“Apri le gambe fiorisce dall’esplorazione dell’universo femminile, attraverso una prospettiva tantrica dell’esistenza – racconta Monica Pinto -. Il potenziale di creazione e iniziazione, di bellezza e di accoglienza che ha ogni donna puo' trovare massima espressione nella sessualita', se essa e' vissuta pienamente e consapevolmente. Secondo la filosofia e la pratica tantrica, il sesso puo' essere un’esperienza sacra, un canale di ascensione al divino; un luogo preferenziale dove corpo e anima, materia ed energia si armonizzano in una fusione estatica. Tuttavia, la sessualita' e' spesso vissuta in maniera estremamente superficiale, a discapito soprattutto della donna, che ancora oggi, in un’epoca di grande liberalizzazione culturale, continua ad avere un ruolo di oggetto, di mero strumento sessuale. Purtroppo, frequentemente, e' la donna stessa, in modo del tutto inconsapevole, ad avallare un tale modello culturale.”

Potete vedere il video di "Apri le gambe" qui: https://www.youtube.com/watch?v=vpZwqaw0-Jo?