"Possibilità", il disco d'esordio del cantautore marchigiano Massimo Torresi


09/02/2017 - News di Libellula Music

“Possibilita'” e' il disco d’esordio del cantautore marchigiano Massimo Torresi, gia' attivo con i Bluff, band fondata con Fabio Verdini (Tiromancino). Un album di matrice dichiaratamente pop-rock, che nei primi brani in tracklist attinge a quell’ironia nei testi che gia' caratterizzava il precedente progetto di Torresi, per poi aprirsi a tematiche piu' intime nella seconda parte del lavoro. Il disco vede la collaborazione dello stesso Verdini alle tastiere e ai sintetizzatori.

 

“Possibilita'” e' il disco d’esordio del cantautore marchigiano Massimo Torresi, gia' attivo al fianco di Fabio Verdini (attuale tastierista dei Tiromancino) con i Bluff, ironica e scanzonata band pop-rock. Registrato e mixato da Ricky Mattioli, e con la collaborazione dello stesso Verdini alle tastiere e ai synth, il nuovo lavoro di Torresi si divide idealmente in due parti. La prima e' piu' energica nel groove e caratterizzata da tastiere e vecchi sintetizzatori analogici, con testi che, pur senza rinunciare all’ironia, sono piu' scuri e rivolti agli aspetti piu' problematici della nostra quotidianita'. Dopo l’intro de “L’impassibilita' delle pale eoliche”, a celebrare lo stato di apatia e passivita', “Possibilita'” da' una sferzata decisa al groove e traccia una qualche soluzione, con quell’ironia che sconfina fino al terzo brano, “Il caveau”, dove il levare della chitarra scandisce un ritmo incalzante, su un testo che graffia la buona etica e magnifica isteriche velleita' di grandezza. “Alibi non hai” da continuita' di sound ai precedenti brani, su riflessioni piu' intime e personali, che si sviluppano anche nei successivi “Credi anche tu” e “Nostalgia”. Con “Miele” si entra nella seconda parte di tracklist, caratterizzata da atmosfere piu' dolci, ariose e ottimistiche (“Salgo a prendermi una stella”) e a maturate prese di coscienza (“Ma soltanto per me”). Dopo “Libera d’incanto”, che torna a richiamare la prima parte della tracklist, si chiude con l’evocativa “La rinascita”.

 

BIOGRAFIA:

Massimo Torresi nasce a Macerata nel 1977 in una famiglia con spiccate attitudini musicali. Dall'eta' di 6 anni inizia a suonare la chitarra, mentre a 9 anni si iscrive al liceo musicale B.Gigli di Recanati dove studiera' per alcuni anni pianoforte e clarinetto. Nell’85 la prima esibizione live in un trio rock and roll. Verso la meta' degli anni '90, in piena epoca grunge, fonda i Vasi di Pandora, rock band di stampo decisamente “nirvaniano”, con i quali si esibisce in numerosi concerti in Italia e in Ungheria. Per motivi di studio nel ‘98 si trasferisce per un periodo di tempo a Milano, dove accresce la sua esperienza artistica suonando in vari club e collaborando con alcuni musicisti locali. Nel 2005, insieme a Fabio Verdini, attuale tastierista nei Tiromancino, fonda i Bluff, ironica e scanzonata band pop-rock con la quale nel 2010 pubblica per l'etichetta Novunque l'album "Il Macabro Epilogo". Oltre al lavoro con il gruppo, Massimo, decide di intraprendere un percorso solista, sia di stampo cantautorale che piu? marcatamente pop/rock, che lo porta ad esibirsi sul palco delle audizioni live di Musicultura nel 2011. Da sempre fortemente attratto dalla musica d’Oltremanica, durante questi anni, contemporaneamente al lavoro sugli inediti, si esibisce anche in alcune cover band di stampo mod, proponendo un repertorio che spazia tra la Beat music inglese anni ’60, Jamaican Ska e Hammond groove, fino ai piu? recenti British Punk e mod revival. Recentemente, la sua versione di “Lunga Attesa” dei Marlene Kuntz (lavoro svolto nell’ambito del contest, ideato dai Marlene Kuntz, che consisteva nel musicare il testo di Lunga Attesa, messo a disposizione da Cristiano Godano, prima che la versione ufficiale uscisse con l’ultimo album dei Marlene), viene pubblicato nel pagina facebook ufficiale del gruppo, tra le migliori versioni su oltre 300. Il suo primo album solista “Possibilita'” e' uscito lo scorso novembre 2016.

 

Sul web: www.facebook.com/Massimo-Torresi-1859708390921408/