"Pazzo di te", il nuovo singolo di Bea Zanin e Diego Perrone


14/04/2016 - News di Libellula Music

"Pazzo di te" e' il nuovo singolo di Bea Zanin, scritto a quattro mani con Diego Perrone, vocalist di Caparezza e voce dei Medusa. Il brano anticipa l’uscita del disco d’esordio della violoncellista e cantautrice torinese, prevista per l’autunno 2016. Una canzone d’amore degli anni ’10: su un ritmo serrato ed electropop nasce e si costruisce una storia d’amore, attraverso il dialogo tra lui (Diego) e lei (Bea). Un amore cosi ti fa diventare pazzo.

Su questo ritmo serrato e vorticoso si staglia il dialogo ricco di giochi di parole tra lui (Diego Perrone) e lei (Bea Zanin), che dichiarano alternativamente l'interesse dell'uno per l'altra. Entrambi sanno che "c'e' gia' storia" e prendono coraggio: la serata comincia tra le mura di una casa in cui si svolge una cena alcolica e prosegue in un club con ritmi a 148 bpm. L'esito e' un amore che diventa ossessivo, senza che vi sia una vera ragione a causarlo, un invaghimento spontaneo e improvviso così come lo descrivono i suoni: la cassa incalzante, i synth acidi e brillanti, il violoncello di Bea e le due voci amalgamate in un rincorrersi costante. Un amore cosi ti fa diventare pazzo.

 

GUARDA IL VIDEO --> https://www.youtube.com/watch?v=mRlFGvl_jk8


“Quello che cerco di fare con la mia musica e' giocare con il pop sperimentale – racconta Bea Zanin -. Un esperimento trasversale che shakeri emozioni, paranoie, memorie, gioie e oppressioni in motivetti con testi ermetici. La collaborazione con Diego, tanto in questo brano quanto nel mio nuovo album che lui ha prodotto e che uscira' dopo l’estate, ha dato un grande contributo alla crescita dei mie brani ed ha aperto ulteriori vie alla mia musica. L'eclettismo e' la mia religione, senza confini ideologici ne' di tradizione: mi piace rubare al passato con nostalgia, ma non dimenticare che il futuro e' la via. Analogico spinto e artificiale ostentato, come la voce di un Imam da un i-phone argentato.”

 

BIOGRAFIA BEA ZANIN

Bea Zanin comincia la sua formazione musicale con lo studio classico del violoncello. Attratta dai suoni grezzi dell'underground torinese, muove i primi passi nel 2008 col gruppo Hidre Intime, che associa l'electro pop a strumenti inusuali mutuati dall'industriali. Collabora, soprattutto come violoncellista pop/post-rock, con vari artisti tra cui Daniele Celona, Luca Morino (Mau Mau), Spaccamonti, Bianco, Jack Jaselli. Parallelamente porta avanti un progetto di musica anni '50-'60 con il trio femminile "Le Bahamas". Affianca all'attivita' di musicista quella di compositrice di colonne sonore. Il 24 ottobre 2014 pubblica online il suo primo lavoro solista autoprodotto, un EP di quattro tracce con sonorita' che spaziano dall'electro pop alla musica classica. Mentre promuove le sue canzoni, ognuna delle quali associata ad un video pubblicato sul web, lavora al nuovo album “Pazzo di te” in collaborazione con Diego Perrone.

BIOGRAFIA DIEGO PERRONE

Nato a Torino nel 1975, Diego Perrone e' noto per essere “quello che canta con Caparezza” oppure “il cantante dei Medusa”. In effetti con Caparezza collabora dal 2002 nel ruolo di seconda voce, mentre i Medusa sono il gruppo con il quale ha iniziato a comporre canzoni e a fare concerti. ?Ma nella sua piu' che decennale militanza sui palcoscenici italiani i featuring sono molti. Dai Mambassa ai the The art of zapping a Punx Crew. Significativa anche la collaborazione con il dj e produttore elettronico Roger Rama così come il progetto di elettronica sperimentale Niagara di Davide Tomat e Gabriele Ottino (gia nei N.A.M.B.). Proprio questi due sono i co-produttori del suo primo disco da solista “Dove finisce il colore delle fotografie lasciate al sole” uscito a Marzo 2012. Dall'11 Febbraio 2013 iniziano ad uscire le canzoni che comporranno l'album "Il disco che verra'”, 10 pezzi 10 video finiti e pubblicati a segnare questo cosiddetto "disco a divenire". Realizza inoltre i remix di Erica Mou (Se mi lasciassi sola), Niagara (Else), Simone Martorana (Maggiore, minore), Bianco (La solitudine perche' c’e', Le stelle di giorno).