Afterhours

Afterhours

Buddha Café - Orzinuovi (bs)

Share on Facebook

24/01/2004  |  di Andrea Salvi

Afterhours


24/01/2004
Buddha café - Orzinuovi (BS)

Proprio quando non ce li sarebbe aspettati, nonostante stiano dedicandosi proprio in questo periodo alla lavorazione del materiale che finirà su un nuovo album, riecco gli Afterhours. Giusto per non perdere il contatto vitale con il palco e con il proprio affezionato pubblico, il quale accorre in massa per assistere all’anteprima di quello che sarà il set che il gruppo milanese porterà in scena nei prossimi giorni nel mini tour con i Twilight Singer dell’indimenticato leader degli ex Afghan Whighs.
Le luci basse accolgono in scena i componenti del gruppo che attacca senza troppi complimenti con l’inattesa “Canzone di Marinella” nella suadente versione già sentita sulla recente compliation tributo a De Andrè, con il gruppo raccolto intorno all’organo al quale siede un raccolto Manuel Agnelli.
La band è la stessa di “Quello che non c’è” e la scaletta si snoda intorno alle canzoni di questo album, riproposto peraltro integralmente. Ciò evidenzia, se ancora fosse necessario sottolinearlo, l’importanza rivestita da questo disco nel nuovo corso artistico del gruppo. Già dal secondo brano infatti gli Afterhours si riconcedono tali e quali li avevamo lasciati, rivelando le certezze e i dubbi già evidenziati nelle ultime apparizioni.
Il concerto brano dopo brano rinnova quindi sia la raggiunta forma particolare dell’artisticamente rinato Agnelli, in questa serata apparso decisamente in forma. Di contro il resto della band appare poco partecipe, forse distratta, decisamente in secondo piano rispetto alla maiuscola prova del suo leader.
“La verità che ricordavo”, “Rapace” e “Bye bye Bombay” fra gli altri sono i brani più riusciti. Per il resto in scaletta non ci sono particolari sorprese, fuorché due ulteriori cover quali la sempre superba “Mio fratello è figlio unico” e soprattutto una rozza e potentissima versione del classico “I wanna be your dog” come primo bis, che scuote dalle fondamenta il capannone che ospita quell’anfiteatro postmoderno che è il Buddha Cafè.
Abbandonato il surreale senso sarcastico e la tagliente, talvolta feroce dialettica dei più originali brani di un repertorio qualitativamente eccellente in favore del recupero dei pezzi più disincantati del loro passato, gli Afterhours viaggiano oggi lungo le coordinate di un’ideale forma canzone impegnata, che riveli una personale disillusione in canzoni amare, seppur proposte con la risolutezza di sempre.
Rispetto al passato però il solo a dare l’impressione di mettersi a nudo sul palco rimane il solito Manuel Agnelli, ora più che mai leader ed elemento catalizzatore del gruppo, a rivelarsi in più di un frangente dello spettacolo come l’unico vero e proprio fulcro della band. Ai travestimenti glam ed alle sferzate auto ironiche di un tempo Agnelli preferisce oggi altri metodi per provocare i suoi interlocutori: sulla coda strumentale di “Bungee jumping” accende uno schermo televisivo alle sue spalle sulle quali lascia scorrere per via audio-video il pietoso delirio di megalomania dell’ultimo semidio nazionale, al quale successivamente viene dedicata la sibillina “Voglio una pelle splendida”. Valga questo come esempio sintomatico dell’evoluzione che in misura sottile sta attraversando il gruppo, legata sia al messaggio artistico della propria musica che soprattutto ad un sostanziale riequilibrio dei rapporti di forza all’interno dello stesso, col rischio di divenire sempre più una one man band senza una coesione propria.
A dire il vero gli intenti degli Afterhours non sono mai stati immobili negli anni, evolvendosi magari con scelte artistiche e cambi di formazione a volte dolorosi, più spesso rivelatisi oltremisura fortunati. Non rimane che attenderci un’ulteriore passo in avanti di quello che ancor oggi rappresenta un nome cardine del nostro rock.





Scaletta:
- La canzone di Marinella
- Milano circonvallazione esterna
- Sulle labbra
- Quello che non c’è
- Non sono immaginario
- Male di miele
- Varanasi baby
- La verità che ricordavo
- Bungee jumping
- Voglio una pelle splendida
- Mio fratello è figlio unico
- 1.9.9.6.
- Rapace
- Non è per sempre
- Non si esce vivi dagli anni ‘80
- Il mio ruolo
- I wanna be your dog
- Bye bye Bombay
- Tutto fa un po’ male
- La gente sta male
- Ritorno a casa

Formazione:
Manuel Agnelli: voce, chitarre, organo
Giorgio Prette: batteria
Dario Ciffo: violino elettrico
Andrea Viti: basso
Giorgio Ciccarelli: chitarre, organo

Share on Facebook
Marte Live Musica contro le mafie Mk Records A Buzz Supreme