Marina Rei

Marina Rei

Auditorium Parco della Musica


06/04/2017 - di Antonio Galota
Si è tenuto lo scorso 6 Aprile nella cornice dell`Auditorium parco della musica la data romana dell`Unplugged tour di Marina Rei. La cantautrice ha proposto una selezione dei suoi successi, privilegiando canzoni tratte dai suoi ultimi lavori, che mettono in luce il suo lato più autoriale ed intimo.

Accompagnata dal violoncello sempre presente di Mattia Boschi, la Rei si è alternata fra chitarra, piano e batteria, dimostrando a dispetto di una certa modestia nell`approccio con gli strumenti le doti di un`eccellente polistrumentista. Durante la serata la cantautrice è stata richiamata sul palco dal pubblico per ben due bis ed ha eseguito in totale più di venti pezzi, tutti riarrangiati in base allo strumento che di volta in volta diventava protagonista. Il lavoro fatto intorno ai pezzi ha reso questo concerto un fluire unico, una grande prova della maturità di un`artista che ha saputo trasformarsi in qualcosa di sempre migliore durante la sua carriera ma che sa fare di quello che appartiene al passato un tasselo fondamentale della sua realtà musicale odierna. Incantevoli le esecuzioni di pezzi come E mi parli di teSe solo potessi, contrapposte a momenti più diretti come L`errore Musa. Caratteristica peculiare della Rei è la voce sempre impeccabile. Notevole la sua capacità di reinterpretare dal vivo senza alcuna imperfezione pezzi dalla difficoltà notevole come Donna che parla in fretta, uno dei brani più diretti e teatrali della sua carriera, eseguito batteria e violoncello.

Nell`ora e mezza di durata del suo concerto Marina Rei conduce gli spettatori in un mondo a parte, fatto di suoni dolci ed intimi e a volte più sferzanti, li porta ad emozionarsi per il sapore contrastante di forza e fragilità che la sua musica contiene. Si tratta di uno spettacolo da andare a vedere, da vivere per apprezzare una delle migliori cantautrici italiane sulla piazza e la sua voce impeccabile.

Marina Rei Altri articoli