• Home
  • /
  • Libri
  • /
  • Serhij Zadan
  • /
  • La strada del Donbas
Serhij Zadan

La strada del Donbas

Serhij Zadan


Voland, 2016

di Eliana Barlocco
Il Donbas, abbreviazione per indicare il Bacino del Donec, è una regione dove scorre il fiume omonimo, affluente del Don. Un fiume e della Russia e dell’Ucraina. Dal 2014 il Donbas non fa più parte dell’Ucraina. La strada del Donbas di Serhij Zadan è un romanzo che ci conduce nel cuore della regione. Herman, il protagonista, risiede in una piccola città vicino a Voroshilovgrad. Il fratello di Herman, Yura, vive ancora nella città natale e possiede una stazione di benzina dove lavora con due suoi amici. Un giorno il telefono di Herman squilla e Kocha (un amico del fratello) annuncia che Yura è scomparso. Così Herman si reca alla pompa di benzina per capire che è successo. Comincia il suo viaggio, che per definizione dell’autore stesso, diviene “un ritorno al passato che lo condurrà verso il futuro”.

Nell’età moderna il Donbas è stata una sorta di selvaggio west: dapprima rifugio per i Cosacchi, più tardi per gli ebrei, poi per le minoranze religiose, per i contadini dekulachizzati, per i criminali e per i fuggitivi di tutti i tipi. Herman si ritrova in un ambiente senza tempo, incontrando personaggi di vario livello di umanità. Questo ritorno improvviso e non voluto al passato, lo catapulta in una situazione inafferrabile e, a tratti, ingestibile:- Non si può annegare nel fiume dove nuoti da tutta la vita. - Forse è così. Solo che io non ci nuoto da molto tempo.

I rappresentanti di questa varia umanità in cui Herman si imbatte, gettano una luce sul problema essenziale della vicenda ucraina, e, più in generale, di tutte le ex repubbliche sovietiche: quella della convivenza tra etnie differenti.  Siete nati e cresciuti qui, qui sono le vostre famiglie e i vostri affari. E tutto giusto, tutto a posto. Però vi fate la guerra senza capire la cosa fondamentale: che tra di voi in realtà non c’è alcun nemico. Lori vi sobillano, vi spingono a mettervi luno contro laltro, così vi indeboliscono e vi rendono vulnerabili.

La scrittura di Zadan (classe 1974, letterato, saggista e musicista. Dal 2008 fa parte del gruppo musicale Sobaki v Kosmose - I cani nello Spazio - con cui ha realizzato tre album) è come la sua musica. Spazia tra il punk e lo ska. Il ritmo della scrittura è in levare. Nel corso della lettura uno si aspetterebbe uno svolgimento lineare, in realtà l’accento è posto sulle note minori che assumono così una centralità: i personaggi dimenticati, quelli secondari, diventano fondamentali per e nella storia. Al contempo però, nei contenuti, emerge il punk. Dando importanza a quel selvaggio west di cui parlavamo prima, Zadan si pone come dissacrante nei confronti del tempo presente, facendo emergere l’urgente istanza di una qualche forma di giustizia che porti a un equilibrio in questo mondo senza tempo. Non dimentica neanche il rock, disseminando nel corso del romanzo, sentenze lapidarie, punti di vista; insomma Herman stesso è un piccolo sassolino che nel corso del tempo diviene una vera pietra rotolante in un paesaggio al limite della psichedelia. E la conclusione è tra le più semplici, disarmanti e pertanto più complicate da realizzare: Fai quello che hai sempre fatto HermanFai quello che hai sempre fatto. Non ignorare i vivi. E non dimenticare i morti:

 

 

https://youtu.be/g9mbWtQJLdA

 

https://youtu.be/envVnI7EZ2Q